Il magazine online di slogan

slogan

Ed 01Questo numero estivo di WoW!  è suddiviso in due parti.

Nella prima sono presenti gli articoli: “Cosa dire in inglese, quando stiamo male all’estero” e “Medical Drama…Che passione!”.

Nella seconda parte sono proposti i primi capitoli del libro “Killing me softly” (i successivi verranno  pubblicati nei numeri di Wow! di autunno e inverno).

Il primo articolo: “Disease, Illness, Sickness…” è un glossario di termini e frasi colloquiali in inglese per interagire con la controparte: medico o farmacista, spiegando i sintomi e comprendendo la diagnosi.

Esso nasce da una esperienza personale e dai racconti di amici che  - durante le “Vacanze Studio all’Estero” dei propri figli e figlie - ricevettero una telefonata che annunciava con voce flebile da oltretomba: “Sto male… Ho la febbre a 38,5°…La tosse…”

01 Da Kildare a MASH 01I Medical Drama sono fortunatissime e molto diffuse serie televisive ambientate in ospedali, cliniche o studi privati. Le vicende trattano da una parte i casi clinici affrontati dallo staff medico e dall'altra le relazioni tra i personaggi.

Non c’è rivista, quotidiano o blog che non abbia parlato di questa o quella serie, soffermandosi soprattutto sui personaggi più o meno “Glamour”.

0 1Finalmente vostro figlio (o figlia) è partito per la sua prima esperienza all’estero! Grazie alla rimozione degli alti costi telefonici di roaming, lo potete sentire al telefono quotidianamente, anche se lui/lei vorrebbe vivere quel periodo in completa autonomia.
Ma, ecco che vi arriva una telefonata da una voce roca dall' oltretomba: “Sto male… Ho la febbre a 39°…La tosse…”.

Prima di narrare di ER è d’obbligo citare due altre serie a cui questo medical drama non è semplicemente debitore ma ne è diretto discendente.
Stiamo parlando di “St. Elsewhere” -  che in Italia venne titolata inizialmente “A cuore aperto” e successivamente “S. Eligio notte e giorno” -01 Da St Elsewhere a Chcago Hope 00

03 ER 00Come abbiamo visto, in contemporanea con Chicago Hope della CBS, nel 1994 venne lanciata dalla rete televisiva concorrente NBC, un'altro Medical Drama: la serie ER, dove l'acronimo sta per Emergency Room, ovvero il nostro Pronto Soccorso (in Italia il titolo della serie venne in qualche modo spiegato facendo seguire alla sigla “E.R.”– con i puntini – la dicitura “Medici in prima linea”).

04 00

Le liaison delle serie TV sono sempre complicate e anche in un Medical Drama come ER fanno da contrappunto alle vicende che si svolgono in una Emergency Room. Ma quelle di Meredith Gray, la giovane tirocinante di chirurgia protagonista di “Grey’s Anatomy”, “sono” l’essenza di una serie presentata allo spettatore con una tagline inequivocabile: “Operations, Temptations, Frustrations” (operazioni, tentazioni, frustrazioni).

Cap 1 01 bis«In nome di Dio...
mi sento un po' nervoso».

Queste le paole – tristemente profetiche - di Md Ali Md Salim, presenti in un brevissimo video di 14 secondi registrato il 17 luglio del 2014 che lo inquadra a bordo dell'aereo che da Amsterdam lo avrebbe portato a Kuala Lumpur, mentre sistema il suo bagaglio nella cappelliera.

Cap 2 01Il 3 luglio 1988. il volo IR-655 – un Airbus A300B2-203 della compagnia aerea Iran Air – mentre sorvolava lo Stretto di Hormuz durante la rotta da Bandar Abbas a Dubai, venne colpito da due missili terra-aria lanciati dall’incrociatore Vincennes della US Navy. Il comandante della nave da guerra, unitamente agli addetti ai sistemi radar, avevano scambiato l’aereo civile per un caccia F-14 dell'aeronautica militare iraniana, che stava attaccando la loro nave.
Al momento dell'abbattimento il Vincennes navigava in acque territoriali iraniane così come l’ IR-655 si trovava nello spazio aereo iraniano: nella deflagrazione vennero uccisi tutti i 290 passeggeri e i membri dell’equipaggio. il disastro risulta essere l’ottavo più grave incidente, per numero di vittime, nella storia dell’aviazione civile.

Cap 3 13Dopo aver presentato i protagonisti del dramma ed averli inquadrati in un contesto storico, siamo pronti a fornire il racconto di come una nave da guerra del valore di miliardi di dollari, progettata per monitorare e classificare più aeromobili in un ambiente di combattimento, abbia abbattuto un aereo di linea commerciale.
La sequenza degli avvenimenti sarà presentata in forma cronologica:


Cap 4 01Ciò che è riportato nel capitolo precedente, sono le registrazioni ufficiali dei messaggi, che danno solo un quadro generale dell'incidente, senza fornire spiegazioni.
Ora invece, partiamo da una plateale bugia: la posizione del Vincennes, per incominciare a comprendere qualcosa di più di questa vicenda.

Cap 5 01Il grido di una vedetta a bordo dello USS Sides che aveva compreso che il relitto era semplicemente troppo grande per essere quello di un jet da combattimento fa impietrire tutto l'equipaggio. Tutti sapevano cosa significava quell’acronimo, COMAIR nella terminologia militare: Commercial Air, un aereo civile!

Cap 6 01L’abbattimento del volo Iran Air 655  non fu il risultato di un errore derivante da uno specifico evento, atto di omissione, guasto di apparecchiatura o impreparazione di un membro dell’equipaggio del Vincennes. L'incidente rappresentò il culmine di una sinergia negativa in cui la combinazione di molti piccoli "errori" e le loro interazioni reciproche all'interno del sistema, generò un errore di larga scala, dalle conseguenze tragiche.

Numeri precedenti (clicca sulle copertine per leggere)

  • Editoriale
    Autunno 2015 - Google
  • 1 a storia pizza
    Expo 2015 - Le parole del cibo
  • Editoriale Rotore
    Enigma e Betchley Park
  • Copertina Charlie Ebdo
    Speciale "Charlie Ebdo"
  • ghirlanda
    Novembre - Dicembre 2014
  • copertina-giu-ago-14
    Giugno - Agosto 2014
  • copertina-sett-ott-14
    Settembre - Ottobre 2014
  • Natale 2015 Pallina fucsia
    Natale 2015
  • banner agis1