Il magazine online di slogan

slogan

come applicare la storia del mendicante cieco nel XXI secolo …
Cosa accadrebbe se si provasse a ripetere quella esperienza, cinquant’anni dopo?

Come è stato descritto negli altri articoli presenti in questo numero di WoW, l’aneddoto su David Ogilvy e il mendicante cieco ebbe un successo che si è riverberato fino ai giorni nostri.
Ma cosa accadrebbe se qualcuno provasse a ripetere quella esperienza, cinquant’anni dopo?
Bene, il copywriter Ben Doessel di Chicago alcuni anni fa decise di verificare se il messaggio "It is spring and I am blind" dell’aneddoto su David Ogilvy ed il mendicante cieco, ha ancora presa negli Stati Uniti di oggi.
Sulla strada verso il proprio ufficio egli incrociava un mendicante (questa volta non cieco, per sua fortuna) che era solito sostare ad un semaforo, mostrando ai guidatori in attesa del verde, un cartone dove era scritto:

PLEASE HELP US WE REALLY NEED SOMEONES HELP ME AND MY SONS ARE HOMELESS IF SOMEONE CAN FIND IT IN THERE HEART TO HELP US WE WILL BE THANK FOR AND WE WILL APPRECIATE YOUR HELP!! AND FOR THE ONE WHO DID HELP US THANK YOU AND GOD BLESS YOU ALL I CAN WORK BUT NEED A CHANCE AND A JOB

(PER FAVORE AIUTATECI ABBIAMO VERAMENTE BISOGNO CHE QUALCUNO AIUTI ME ED I MIEI FIGLI SIAMO SENZATETTO SE QUALCUNO PUO’ TROVARE IN FONDO AL CUORE DI AIUTARCI SAREMO GRATI ED APPREZZEREMO IL VOSTRO AIUTO !! E A CHI CI AIUTERA’ GRAZIE E CHE DIO BENEDICA TUTTI VOI IO POSSO LAVORARE MA HO BISOGNO DI UNA POSSIBILITA’ ED UN IMPIEGO.)

 
01 

Ovviamente nessuno riusciva a leggere interamente il messaggio- per giunta scarabocchiato con un misto di corsivo e stampatello - che egli mostrava nel breve tempo della sosta al semaforo. Doessel fece esattamente quello che viene raccontato nell': chiese il permesso al mendicante di riscrivere il messaggio sul retro del cartello…

02  My sons + I are
HOMELESS
Please find it in your heart to give me a job or other HELP.
GOD BLESS!!
(I miei figli ed io siamo SENZATETTO.
Per favore trovate nel vostro cuore il modo di darmi un lavoro o un qualche AIUTO.
CHE DIO VI BENEDICA)

 

 

03  Il giorno successivo incontrò nuovamente il mendicante e gli chiese come fosse andata la giornata. Questi gli rispose che di norma lui riusciva a racimolare 30-35 Dollari al giorno, ma con il nuovo cartello era arrivato a 42 Dollari…
Ma continuiamo con altri esempi pratici dei giorni nostri. Partiamo dal furbo mendicante che con il suo cartello “WHICH RELIGION CARES THE MOST ABOUT THE HOMELESS?” (QUALE RELIGIONE SI PRENDE MAGGIORMENTE CURA DEI SENZATETTO?) fa leva sullo spirito di competizione tra i credenti di varie religioni.
Guardando le ciotoline che hanno tutte – chi più chi meno – delle monete, sembra che l’idea abbia funzionato. Ma non era Giorgio Gaber che nel 1997 recitava il monologo de “Il pelo”?
04 


[ - noi abbiamo cento peli - noi abbiamo mille peli - noi abbiamo centomila peli - noi abbiamo un milione di peli - Devo farcela, devo reagire. Anch'io devo avere tanti peli. Per me, per i miei figli. Anch'io avrò tanti peli, anch'io! Anch'io!]

Si potrebbe ribattere che quegli sono gli Stati Uniti, terra del “melting pot” (N.d.A.: traducibile come “crogiolo" è l'espressione che viene usata per indicare l'amalgama, all'interno della società umana, di elementi diversi: etnici, religiosi, ecc.).
E allora restiamo in Europa!

Killing me softly
libro

Killing me softly

Vuoi ricevere WoW?

Numeri precedenti (clicca sulle copertine per leggere)

  • Editoriale
    Autunno 2015 - Google
  • 1 a storia pizza
    Expo 2015 - Le parole del cibo
  • Editoriale Rotore
    Enigma e Betchley Park
  • Copertina Charlie Ebdo
    Speciale "Charlie Ebdo"
  • ghirlanda
    Novembre - Dicembre 2014
  • copertina-giu-ago-14
    Giugno - Agosto 2014
  • copertina-sett-ott-14
    Settembre - Ottobre 2014
  • Natale 2015 Pallina fucsia
    Natale 2015
  • banner agis1