Il magazine online di slogan

slogan

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 14 Bletchey Park è una tenuta di 235 ettari nel Buckinghamshire a 75 km da Londra,  con un maniero che combina architettura neogotica, Tudor e barocco olandese. Definito dai suoi inquilini crittografi: "a maudlin and monstrous pile" (un’ammucchiata mostruosa e stucchevole) la sua storia inizia con un code name molto "British": “Captain Ridley's Shooting Party“: Una battuta di caccia organizzata da un fantomatico Capitano Ridley, a fine agosto 1938...

Il convivio doveva riunire un gruppo di amici – di cui faceva parte Sir Hugh Sinclair  - che volevano godersi un week-end rilassante in una casa di campagna: basti pensare che si erano addirittura portati dietro uno dei migliori chef del Savoy Hotel percucinare le loro pietanze preferite.

Ma quelle persone che si erano riunite a Bletchley Park era tutt'altro che rilassate!

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 2UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 3 aSir Hugh Sinclair aveva la qualifica di Ammiraglio ed era a capo del Military Intelligence - Section 6 , la sezione esteri del Secret Service Bureau (più nota come MI6). Anche gli altri ospiti erano membri del servizio segreto britannico sotto copertura.

Il loro scopo era una verifica sul campo, dopo il suo acquisto, di quella che sarebbe diventata la sede della GC&CS - Government Code and Cypher School (Scuola governativa di codici e cifrazione), nata a dalla fusione della Room 40 (servizio crittografico della Royal Navy) con il MI-1 (forzatura dei codici segreti) e il MI-8 (servizio crittografico dell'Intelligence britannico).

[NdA: nel 1942 l’Ammiragliato riorganizzerà la “school” che omai aveva più di 10.000 addetti, nell’attuale GCHQ -Government Communications Headquarters: Quartier generale del governo per le comunicazioni (l’omologo britannico della NSA Statunitense].

La scelta di Betchley Park venne dettata sia per motivi di sicurezza, essendo lontano da Londra, sia per evitare i bombardamenti sulla città, per svolgere l'attività di intelligence e gestione del SIGINT, [NdA: acronimo di SIGnals INTelligence - Spionaggio di segnali elettromagnetici), l'attività di raccolta di informazioni mediante l'intercettazione e analisi di segnali, sia emessi tra persone, come ad esempio comunicazioni radio].

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 3 b

Le informazioni derivate dalla decrittazione delle comunicazioni dei tedeschi durante la seconda guerra mondiale vennero identificate con il nome in codice Ultra, mentre Ultra Secret fu poi la designazione adottata dall'intelligence militare britannica nel giugno 1941 per l'attività di raccolta di informazioni ottenuta decrittando comunicazioni radiofoniche e telex delle forze armate tedesche. 

Per dare l'idea dell'importanza data a queste informazioni di intelligence, basti pensare che l’aggettivo “Ultra” deriva dal fatto esse erano soggette a norme rigorose per limitare il numero di persone che ne fossero a conoscenza ed erano considerate più importanti di quanto indicato dalla più alta classificazione di sicurezza britannico allora utilizzata (Most Secret).

La GC&CS aveva una mission molto precisa: “Construction, Destruction and Instruction”: fornire consulenza sulla sicurezza dei codici governativi britannici e le cifrature; lo studio dei metodi di crittografia utilizzato da potenze straniere grazie ad un lavoro di crittoanalisi; e la formazione degli agenti britannici in materia di comunicazioni sicure.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 4[NdA: il termine crittoanalisi deriva dal greco kryptós, "nascosto", e analýein, che significa "scomporre" e sottintende lo studio dei metodi per ottenere il significato di informazioni cifrate senza avere accesso all'informazione segreta, coperta da una chiave segreta. Di contro la crittoanalisi è lo studio delle tecniche per occultare un messaggio].

L’intelligence del Regno Unito organizzò una intensa attività di intercettazione delle comunicazioni radio tedesche e, quando la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Germania, si rese necessario reclutare un gran numero di crittoanalisti.

Pertanto a Betchley Park furono riuniti sia ingegneri e matematici, sia uomini provenienti dal campo accademico con i background culturali più disparati: linguisti, campioni di scacchi, esperti di cruciverba; fino ad un esperto in papirologia…

Un modo curioso utilizzato nel 1941 per assumere personale fu quello di chiedere al The Daily Telegraph di organizzare una gara di cruciverba, a seguito del quale i partecipanti più promettenti vennero contattati in segreto con l'offerta di “a particular type of work as a contribution to the war effort” (un lavoro particolare che avrebbe contribuito allo sforzo bellico).

Fu così che matematici come Peter Twinn, da Oxford, Alan Turing e Gordon Welchman, da Cambridge vennero assunti alla GC&CS.

Successivamente altri crittoanalisti vennero reclutati, tra cui i matematici Derek Taunt, Jack Good, Bill Tutte, Max Newman; lo storico Harry Hinsley e il campione di scacchi Hugh Alexander.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 5

La sfida era non solo la decrittazione dei messaggi, ma l’inserimento di questi nel contesto operativo di riferimento che doveva essere ricostruito anche con informazioni di altra natura.

In breve, a Bletchley Park arrivarono a lavorare oltre 10.000 persone in baracche (hut) prefabbricate di legno, allestite sui prati del parco, in quanto la struttura degli edifici non poteva contenere tutte quel personale. Ogni baracca aveva una propria specializzazione: Luftwaffe, U-boot, SS etc. ed era identificata per motivi di sicurezza solo con un numero.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 6Tre turni di lavoro sfiancanti: 08:00÷16:00 ; 16:00÷ 24:00 ; 00:00÷08:00, in quanto i messaggi cifrati potevano arrivare a qualsiasi ora, condizioni di vita spartane e il più severo obbligo di segretezza erano la vita quotidiana a Betchley Park.

L’aria che si respiarava in quel maniero d'altri tempi, invaso da un fantastico assortimento di spie, professori di Hoxbridge (Hoxford + Cambridge), neofiti e ragazze diciottenni lontane da casa per la prima volta, fece sì che la GC&CS fosse soprannominata "Golf, Cheese and Chess Society" (Associazione Golf, Formaggio e Scacchi).

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 8Atmosfera ben descritta in: “The secret life of Betchley Park” di Sinclair McKay, da cui ne riportiamo un brano… 

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 9” … dopo pranzo, quando il tempo era favorevole, i decrittatori giocavano a rounders [N.d.A.: gioco simile al baseball] sul prato della grande casa, con quell’atteggiamento semiserio ostentato dai docenti universitari quando sono impegnati in attività che potrebbero essere considerate frivole o insignificanti, se paragonate con i loro più importanti studi. Così, essi erano soliti discutere per un punto della partita con lo stesso fervore con cui avrebbero dibattuto la questione del libero arbitrio o del determinismo, o se il mondo sia iniziato con il big bang o con un processo di creazione continua.” 

Durante una visita nel settembre 1941 Winston Churchill ebbe modo di commentare così quel variegato staff: «avevo detto di cercare dipendenti in ogni angolo, ma non pensavo che sarei stato preso così alla lettera».

Al di là della battuta, Churchill, che aveva avuto il coraggio di promettere ai suoi compatrioti “blood, toil, tears and sweat” (Sangue, fatica, lacrime e sudore) considerava Betchley Park strategica per quella “Victory at all cost” contro nazismo.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 10

Coloro che Churchill chiamava  «The geese that laid the golden eggs – but never cackle» (le oche che fanno le uova d’oro e non starnazzano mai) non avevano unicamente il codice di Enigma da decifrare: c’erano anche molti altri sistemi di cifratura sia tedeschi sia degli altri paesi dell’ ”Asse” da rompere.

Ma era “quella” macchina, con iu suoi rotori combinatori, l’obiettivo più alto del team che lavorava sotto Dilly Knox alle baracche 3,6,4 e in particolare la 8 dove era stato assegnato Alan Turing…

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 11Knox era diventato famoso a Bletchley Park paragonando i rotori Enigma all’orologio del coniglio di di “Alice in Wonderland” (Alice nel paese delle meraviglie). Egli poneva la domanda:  « Which way does a clock go round? » (da che parte girano le lancette di un orologio?). E a chiunque avesse risposto "in senso orario" avrebbeprontamente risposto « Not if you're the clock, it doesn't! » (no, se sei l'orologio, non è così! ). 

La prima falla in Enigma fu aperta il 23 gennaio del 1940 quando il team di Knox riuscì a dipanare la chiave di un sistema amministartivo dell’esercito tedesco che divenne, per i decrittatori “The green”.

Forti di questo successo i Codebreakers riuscirono a crackare la chiave “Red” utilizzata dagli ufficiali di collegamento della Luftwaffe.

A quel punto era vitale  che la notizia che il codice di Enigma era stato rotto dovesse rimanere assolutamente segreta!

Per nascondere la fonte di queste informazioni ai servizi di intelligence del III Reich, venne fatto trapelare che i rapporti provenisserro da una na spia del M16 – con il nome in codice “Boniface” che gestiva una immaginaria rete di agenti all'interno della Germania.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 12In realtà, era stata creata in tutta la Gran Bretagna e in diversi paesi d'oltremare una imponente catena di stazioni di intercettazione che ascoltava i messaggi radio del nemico. Migliaia di operatori, molti dei quali civili, registravano attentamente ogni lettera o cifra per produrre un quadro il più possibile di ciò che il nemico stava facendo. 

Gli inglesi, avevano già un modello completamente funzionante della macchina Enigma (fornito dai polacchi), quindi i loro sforzi erano concentrati sul trovare, giornalmente, la corretta configurazione iniziale.

Ma oltre alle risorse umane era necessario affiancare loro una macchina che accellerasse il processo di crittoanalisi…

Alan Turing aveva compreso che, se l'analisi del traffico poteva essere utilizzata per prevedere il testo presente in alcune parti dei messaggi cifrati, una macchina che avesse eseguito una ricerca esaustiva tra tutte le possibili combinazioni di Enigma, avrebbe potuto essere utilizzata per testare, ad alta velocità, se vi fossero possibili impostazioni delle ruote che traducevano i caratteri cifrati in caratteri in “chiaro”.

Il tipo di attacco portato alla macchina Enigma da parte di Turing era basato sul confronto di un testo in chiaro (crib) e il corrispondente testo cifrato ed esso avrebbe escluso la maggior parte delle possibili configurazioni di Enigma.

Fu così che Turing (supportato da Gordon Welchman) progettò una complessa macchina elettromeccanica (i relè ad alta velocità erano inizialmente gli unici dispositivi affidabili a disposizione) che – come la sua progenitrice - venne chiamata Cryptological Bombe e poi semplicemente Bombe, in grado di decriptare un messaggio in tempi ragionevoli

Il suo  funzionamento era “semplice”:  esplorava tutte le possibili configurazioni dei rotori di Enigma al fine di ridurre il numero possibile di impostazioni in uso, e consentisse un numero gestibile di ulteriori test manuali.

Al Comandante di Bletchley Park Edward Travis venne assegnato  un budget 100.000 strline per la la costruzione fisica della Bombe che  venne assegnata alla britannica Tabulating Machine Company (BTM) a Letchworth; al progetto venne assegnato il nome in codice "Cantab".

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 13

Alla prima Bombe, basata sul disegno originale di Turing e che fu installata nello Hut 1 (baracca 1) a Bletchley Park il 18 marzo 1940, fu dato il nomignolo di "Victory". La seconda Bombe, venne chiamata "Agnus Dei", e – con humor tipicamente britannico poi abbreviato in "Agnes" (Agnese), o "Aggie".

Alla Bombe - per via del suo colore - venne anche dato l’appellativo di "Bronze Goddess" (dea di bronzo) ma la definizione più prosaica fu quella degli operatori, che la definivano “great big metal bookcases” ( grande libreria in metallo). 

I risultati iniziali di Victory però non furono incoraggianti e vi fu un momento un cui tutto il progetto venne messo in discussione, ma poi, grazie alla “tavola diagonale” inventata da Gordon Welchman, che aggiungeva alla Bombe la funzionalità dello stecker (spinotto) della macchina Enigma, gli schemi di configurazione risultarono meno complessi.

[Chi desiderasse conoscere le basi del funzionamento della Bombe può fare riferimento all’articolo “Come funzionava la bombe di Turing” in questo numero di WoW].

Nel corso del 1940, 178 messaggi dei tedeschi vennero decrittati sulle due macchine, quasi tutti con successo.

A quel punto le due macchine di Bletchley Park erano troppo preziose per rischiarne la distruzione durante un eventuale bombardamento aereo e vennero collocate in postazioni distanti da Bletchley Park.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 15L’indispensabile lavoro di gestione delle bombe era affidato al corpo delle WRNS - Women's Royal Naval Service (il ramo femminile della Royal Navy) in un ambiente rumorosissimio (non dimentichiamoci che erano macchine elettromeccaniche).

[NdA: una idea del livello di rumore nelle baracche dove erano alloggiate si può avere ascoltando quello dell’esemplare ricostruito e perfettamente funzionante, nel museo di Betchley Park ].

Nonostante questo sforzo, sussisteva un problema: il collo di bottigliaderivante da una carenza di risorse umane da impiegarsi, rispetto alla mole di messaggi da decifrare.

UNA EPICA LOTTA DI MACCHINE 2 16

Alan Turing. Gordon Welchman, Hugh Alexander, Peter Stuart, Milner-Barry, allora, fecero una azione che andava contro qualsiasi struttura gerarchica militare, ma era perfettamente in linea con il loro spirito di ricercatori…

Scrissero direttamente al Primo Ministro Winston Churchill…

Secret and Confidential
Prime Minister only
Hut 6 and Hut 8
21st October 1941

Dear Prime Minister,
Some weeks ago you paid us the honour of a visit, and we believe that you regard our work as important. You will have seen that, thanks largely to the energy and foresight of Commander Travis, we have been well supplied with the ‘bombes’ for the breaking of the German Enigma codes. We think, however, that you ought to know that this work is being held up, and in some cases is not being done at all, principally because we cannot get sufficient staffto deal with it. […] In July we were promised that the testing of the ‘stories’ produced by the bombes would be taken over by the WRNS in the bombe hut and that suffcient WRNS would be provided for this purpose. It is now late in October and nothing has been done.

Onorevole Primo Ministro,
Alcune settimane fa ci avete onorati con una visita a Bletchley Park e riteniamo che voi consideriate importante il nostro lavoro. Avrete notato che, soprattutto grazie all'energia e la lungimiranza di Comandante Travis, siamo stati stati ben riforniti di macchine “Bombe” per infrangere il codice tedesco Enigma. Crediamo tuttavia voi dobbiate sapere che questo lavoro è rallentato – e in alcuni casi addirittura bloccato – anzitutto dalla mancanza di personale. Nel mese di luglio ci era stato promesso che l’esame delle "storie" prodotte dalle bombe sarebbero stato effettuato da personale WRNS nella baracca bombe e che suffcienti WRNS sarebbero state fornite a tale scopo. Ora siamo alla fine di ottobre e nulla è stato fatto.

 

Churchill prese molto sul serio la cosa e diramò questo ordine «Make sure they have all they want extreme priority and report to me that this has been done» (Fate sì che essi ottengano quello che serve con priorità assoluta, e riferitemi di persona che ciò sia stato fatto).

Grazie al personale aggiuntivo che avevano ottenuto, a Bletchley Park furono decifrati i messaggi tedeschi intercettati nel Nord Africa. E furono proprio questi sforzi a consentire agli inglesi di ottenere la prima vittoria nella battaglia di El Alamein, in Egitto il 23 ottobre-4 novembre 1942 !

Vennero pertanto allestiti nuovi siti a Adstock, Gayhurst e Wavendon. Nel l’estate del ‘41 si ebbero per i quattro siti un totale di 24-30 Bombe operative per arrivare successivamente a 40-60 esemplari. 

Ma nel 1942, con l'introduzione presso la marina tedesca della versione di Enigma a quattro rotori, erano necessarie ulteriori settanta Bombe. Per cui nuove stazioni vennero dislocate a Stanmore e Eastcote.

Le poche bombe che rimasero a Betchley Park vennero utilizzate a scopo dimostrativo e di formazione.

Killing me softly
libro

Killing me softly

SPECIALE
LA CRISI COREANA

Hwasong 01

Vuoi ricevere WoW?

Numeri precedenti (clicca sulle copertine per leggere)

  • Editoriale
    Autunno 2015 - Google
  • 1 a storia pizza
    Expo 2015 - Le parole del cibo
  • Editoriale Rotore
    Enigma e Betchley Park
  • Copertina Charlie Ebdo
    Speciale "Charlie Ebdo"
  • ghirlanda
    Novembre - Dicembre 2014
  • copertina-giu-ago-14
    Giugno - Agosto 2014
  • copertina-sett-ott-14
    Settembre - Ottobre 2014
  • Natale 2015 Pallina fucsia
    Natale 2015
  • banner agis1