Il magazine online di slogan

slogan

Questo numero di WoW è… ad alto tasso alcolico! Infatti, lo abbiamo dedicato al brand BACARDI.
L’idea era nata in primavera perché questo brand ha un nome conosciuto in tutto il mondo ed immediatamente richiama alla mente un liquore: il rum; un’isola: Cuba e drink divenuti famosi: il Mojito, il Cuba Libre ed il Daiquirì, solo per citarne alcuni.
Ma un episodio avvenuto questa estate, fa calzare a pennello la scelta di parlarne su un magazine che tratta di parole. La scoperta che il nome di questa marca di rum si deve scrivere con l’accento sulla “I”. Quindi… BACARDÍ.

Ha registrato oltre 10 milioni di visualizzazioni il video su YouTube dedicato a Robin Williams, scomparso lo scorso 11 agosto. Il clip raccoglie trailer tratti dai suoi film più famosi: "Hook ","Patch Adams","Good Will Hunting",“Popeye”, “Mrs. Doubtfire”, “Good Morning Vietnam” e "Jumanji”.

La Bodeguita del Medio è un tipico bar ristorante de La Habana Vieja a Cuba. Il locale naque come negozio di viveri, ma fu trasformato in un ristorante con tipica cucina cubana dallo spagnolo Angel Martinez. Il suo nome deriverebbe dal fatto che i bodeguita erano solitamente posizionati agli angoli delle strade, mentre questo si trova nel mezzo.

Ovvero: come un barman diede retta ad un “malato immaginario”
Probabilmente con il suo romanzo “This Side of Paradise” (Di qua dal paradiso) F. Scott Fitzgerald è stato il primo scrittore ad introdurre il Daiquiri ad un pubblico letterario.
Però il maggior lustro a questa bevanda ghiacciata lo si deve a Ernest Hemingway.
Basta leggere questi splendidi brani, tratti dal suo romanzo postumo “Islands in the Stream” (Isole nella corrente)...

La battuta di James Bond « Shaken, not stirred » (Agitato, non mescolato) è ormai divenuta una specie di slogan.
Già, ma mescolato o agitato con che cosa…?
Ecco una rapida descrizione tecnica dei principali strumenti utilizzati dai barman e dai bartender.

Il nome BACARDI è ormai una icona che richiama alla mente un liquore, il Rum; un’isola, Cuba, e famosi cocktail: il Mojito e il Daiquirì  solo per citarne un paiol…
Ma tu, caro lettore, conosci veramente il BACARDI, anzi… il BACARDÍ ?
Ci pensa WoW a raccontarti questa storia fatta di un liquore di canna – scritto in modi diversi: rhum, ron, rum, - personaggi come Ernest Hemingway, frasi famose come “¡Cuba Libre!” luoghi dell’immaginario collettivo, la “Bodeguita del medio “ pirati come Francis Drake e, infine … pipistrelli!
Partiamo dal nome: Don Facundo Bacardí Massó fu il fondatore - nel 1852 -della distilleria: ecco perchè il nome di questa marca di rum si dovrebbe pronunciare BACARDÍ con l’accento sulla “I” finale.
Passiamo poi al marchio: cosa ci sta a fare un pipistrello nero che guarda a sinistra e, diciamocela tutta, nella sua grafica originale è proprio bruttarello?

Cocktail, barman, bartender, flair… Tanti nomi che rendono interessante il parlare di bevande alcoliche e di chi le prepara!
Cominciamo dal termine cocktail, la cui'etimologia non è chiara.
Circolano diverse ipotesi sulla sua origine e ciascuna ha il suo fascino:
La più semplice è quella che lo fa derivare dai termini inglesi cock (gallo) e tail (coda), forse dovuto al fatto che verso il 1400 nelle campagne inglesi si beveva una bevanda variopinta ispirata ai colori della coda del gallo da combattimento.
(Se vi presentassero questi due cocktail, quale scegliereste…?)

Se si clicca sul link al sito BACARDI, la landing page ci accoglie con un clam molto preciso: “BACARDÍ – UNTAMEABLE SINCE 1862 ,” (INDOMITA DAL 1862), per poi continuare con altre affermazione molto nette: “Terremoti, Incendi. Esilio. Proibizionismo. Ci dispiace DESTINO, hai scelto la famiglia sbagliata”.

Con questo titolo non vogliamo ricordare la battaglia di Canne del 217 a.C. dove i romani furono sconfitti dai Cartaginesi comandati da Annibale
Qui stiamo parlando delle canne da zucchero da cui viene ricavato un distillato molto amato dai consumatori!
E  per il rum, e tramite il rum. è in corso una vera e propria “guerra” che è da un lato parte integrante della strategia anti-castrista degli Stati Uniti d’America e dall’altro è un aspro confronto commerciale condotto senza esclusione di colpi, per la supremazia sul mercato statunitense e mondiale del rum!

Killing me softly
libro

Killing me softly

Vuoi ricevere WoW?

Numeri precedenti (clicca sulle copertine per leggere)

  • Editoriale
    Autunno 2015 - Google
  • 1 a storia pizza
    Expo 2015 - Le parole del cibo
  • Editoriale Rotore
    Enigma e Betchley Park
  • Copertina Charlie Ebdo
    Speciale "Charlie Ebdo"
  • ghirlanda
    Novembre - Dicembre 2014
  • copertina-giu-ago-14
    Giugno - Agosto 2014
  • copertina-sett-ott-14
    Settembre - Ottobre 2014
  • Natale 2015 Pallina fucsia
    Natale 2015
  • banner agis1